EventsEventi verona

La 56^ edizione della più importante fiera vinicola al mondo è ai nastri di partenza: dal 14 al 17 aprile Vinitaly tornerà ad animare Verona e la sua Fiera con il consueto programma di ospiti, eventi, espositori e concorsi dal respiro internazionale, per celebrare quella che è una delle tradizioni più indelebili nel cuore della città scaligera: il vino!

Quale occasione migliore per visitare Verona ed alloggiare nella suggestiva residenza nobiliare di Villa Nichesola, che, dal paradiso verde in cui è immersa a soli 15 km del centro storico, ha avuto modo di vedere il progredire di questa tradizione negli anni, senza mai perderne di vista le origini? Finché preparate le valigie per il vostro viaggio enologico a Verona, ne approfittiamo per raccontarvi la storia di Vinitaly, la manifestazione che, a partire dal mondo vinicolo veronese, si è espansa oltre ogni confine, rimanendo però sempre ancorata alla sua città.

Tra storia e tradizione, le radici di questa manifestazione

Partiamo da un nome e un cognome: Angelo Betti. Le origini di Vinitaly sono indissolubilmente legate a questo giornalista che, negli anni Sessanta, quando nella cornice della Fiera dell’Agricoltura di Verona i due stand vinicoli presenti erano pressoché ignorati da tutti, si rese conto che il vino aveva bisogno di un modo nuovo ed innovativo per essere comunicato e allora si adoperò in questo senso.

Nel giro di pochi anni, dal fecondo rapporto intellettuale tra Betti e Sandro Boscaini, studente che stava ultimando una tesi di laurea intitolata “Economia sui canali di distribuzione dei vini in Italia”, prese piede, alla Gran Guardia di Verona, la prima edizione delle “Giornate del Vino Italiano”, ovvero una serie di profondi incontri culturali dedicati al vino, che rappresentano la forma primordiale del Vinitaly. Era il 22 settembre 1967 e da quel giorno la manifestazione cominciò a crescere in maniera vistosa e proficua: nel 1969, all’attività convegnistica, si affiancò quella espositiva, con 130 case vinicole che portarono i loro prodotti alla rassegna, mentre nel 1971 si tramutò, sotto l’egida di Mario Soldati, in un vero e proprio evento mercantile, con il nome di “Vinitaly – Salone delle attività vitivinicole”. Da qui la manifestazione ha continuato a svilupparsi progressivamente, fino a raggiungere lo status internazionale che la caratterizza anche oggi.

Alla scoperta delle eccellenze italiane e non solo

Non ci volle molto affinché Vinitaly, da autorevole finestra sul vino veronese ed italiano, si tramutasse in un punto di riferimento imprescindibile per il settore vinicolo a livello mondiale: già nel 1978 la rassegna ottenne la qualificazione di “internazionale”, aprendo le porte alla partecipazione di aziende estere.

Vinitaly non ha poi mai smesso di investire sulla sua internazionalizzazione, tramite numerosi progetti che hanno attraversato il mondo dai grattacieli degli Stati Uniti fino alle pagode dell’Estremo Oriente, e dunque, anche nella 56^ edizione, non incontrerete soltanto le eccellenze italiane, ma vini provenienti da ogni angolo del pianeta. Vinitaly 2024, dominando gli oltre 180mila metri quadrati della Fiera di Verona con oltre 4.000 cantine ospitate, si conferma il salone internazionale del vino e dei distillati per antonomasia, sulla scia globalizzante del 2023, quando a Verona erano giunti operatori enologici da 143 nazioni: anche quest’anno puoi incontrare sapori da tutto il mondo all’International Wine Hall, dove verranno esposti vini da Georgia, Ungheria, Brasile, Armenia, Sudafrica, Grecia, Francia e Balcani!

Vinitaly and the City, il fuori salone in città

Ma Vinitaly non è solo in Fiera, perché, anche per questo 2024, è previsto il fuori salone Vinitaly and the City, che dal 12 al 15 aprile farà pulsare la tradizione del vino nelle vie del centro storico di Verona. Si tratta di un percorso enogastronomico itinerante attraverso alcuni dei luoghi più suggestivi della città scaligera, da Piazza dei Signori, al cospetto della statua di Dante Alighieri, fino alle altezze di Torre dei Lamberti, da cui si potrà brindare ammirando Verona da un punto di vista privilegiato.

Non perdere quest’opportunità: non capita tutti i giorni di poter vivere gli scorci segreti di una delle città più affascinanti d’Italia, degustando le eccellenze del vino italiano e non solo. Ti aspettiamo allora a Villa Nichesola, per ospitarti e rendere ancora più memorabile la tua esperienza nella Verona enologica!