Events

Il Carnevale di Verona, con il suo storico “Bacanal del Gnoco”, rappresenta un viaggio unico nella tradizione e nella cultura popolare italiana. Quest’anno celebriamo la 494ª edizione di una festa che affonda le sue radici in un passato ricco di storia e folklore. Nel cuore di Verona, il “Venerdì Gnocolar” e il “Villaggio del Carnevale” si animano per trasportare abitanti e visitatori in un mondo di allegria, colori e sapori autentici. Da Tommaso Da Vico, il padre del Carnevale Veronese, fino ai giorni nostri, questo evento si è tramandato di generazione in generazione, arricchendosi di nuovi significati ma conservando sempre il suo spirito originale. Con la sua miscela di storia, arte e gastronomia, il Carnevale di Verona non è solo una festa, ma una testimonianza vivente della ricchezza culturale italiana.

Una tradizione secolare

Il “Venerdì Gnocolar” di Verona non è solo un giorno di festa, ma un momento chiave nella celebrazione del Carnevale. Questa tradizione, che si svolge ogni anno, rappresenta l’apice delle festività carnevalesche della città, celebrando non solo il cibo e il divertimento, ma anche la storia e la comunità. La storia del “Venerdì Gnocolar” risale al 1531, quando, in risposta a una grave carestia che aveva colpito la città, Tommaso Da Vico, un noto benefattore, dispose che venissero distribuiti gratuitamente pane, vino, burro, farina e formaggio ai cittadini di San Zeno durante l’ultimo venerdì di Carnevale. Da allora, questo evento è diventato un momento significativo di unità e di condivisione per la comunità veronese.

Ogni anno, le strade di Verona si animano con la grande sfilata del “Venerdì Gnocolar”, che vede la partecipazione di carri allegorici, gruppi in maschera e musicisti che attraversano il centro storico. Il personaggio principale di questa celebrazione è il “Papà del Gnoco”, una figura simbolica del carnevale che viene eletto annualmente attraverso una vera e propria campagna elettorale. Rappresentato come un vecchio barbuto in costume bianco con ritagli di stoffa rossa, il “Papà del Gnoco” simboleggia l’abbondanza e la generosità, presiedendo la distribuzione di gnocchi alla popolazione, un gesto che ricorda l’originaria generosità di Tommaso Da Vico.

Il “Venerdì Gnocolar” non è solo un tributo alle radici storiche del carnevale, ma anche un’opportunità per i cittadini di ogni generazione di riunirsi, celebrare e sperimentare il senso di comunità che caratterizza questa festa tradizionale. Con la sua atmosfera unica, il “Venerdì Gnocolar” rappresenta un legame vivente tra il passato e il presente di Verona, testimoniando l’importanza delle tradizioni nel mantenere viva la cultura locale

Vivere il Carnevale

Prepararsi per il “494° Bacanal del Gnoco” richiede un pizzico di pianificazione per vivere appieno l’esperienza del Carnevale di Verona. La festa si estende dal 6 gennaio al 19 marzo, con il culmine delle celebrazioni durante il “Venerdì Gnocolar” il 9 febbraio. Per i visitatori, il consiglio principale è quello di arrivare in anticipo a Verona per assicurarsi di non perdere l’inizio della sfilata e di avere una buona visuale dei carri allegorici e dei gruppi in costume.

Un must del Carnevale è il “Villaggio del Carnevale”, situato in Piazza San Zeno. Qui, i visitatori possono immergersi in un’atmosfera festiva unica, partecipare a laboratori, gustare cibi tradizionali e assistere a spettacoli dal vivo. Il villaggio offre attività per tutti: laboratori di maschere in carta pesta, giochi per bambini, lezioni di cucina e stand enogastronomici con piatti tipici veronesi come i famosi gnocchi, il risotto all’isolana e varietà di dolci. Per una completa esperienza culinaria, si raccomanda di assaggiare le specialità locali come il cotechino con la pearà e il luccio con polenta.

Inoltre, durante il periodo del Carnevale, la città di Verona si anima di eventi e spettacoli secondari. È consigliabile tenere d’occhio il calendario degli eventi sul sito ufficiale del Comitato Carnevale Bacanal del Gnoco o sulle piattaforme di informazione turistica di Verona per non perdere iniziative particolari. Per i visitatori che desiderano esplorare oltre il centro storico, il Carnevale si estende anche nei quartieri circostanti, ognuno con le proprie celebrazioni e caratteristiche uniche.

Infine, per godersi appieno l’esperienza, è importante vestirsi a tema o, almeno, indossare una maschera carnevalesca. Questo non solo aggiunge al divertimento, ma permette anche di immergersi completamente nello spirito del Carnevale. Che si tratti di una semplice maschera di carta o di un costume elaborato, partecipare attivamente alle tradizioni del Carnevale è il modo migliore per vivere questo evento storico e colorato